Magazine \ Casa & Finanza

Comprare casa da single, come ottenere il mutuo?

created by Team editoriale Lunedì, 12 Febbraio, 2018 - 13:18

5
Media: 5 (4 votes)
Ragazza seduta sul divano con tablet

Prenotare una vacanza solo per sé, dormire in camere d’albergo singole, comprare cibo monoporzione. Operazioni diffuse e scontate da anni. Come lo è ormai anche comprare casa da single. Perché aspettare un partner con cui condividere casa? Meglio iniziare subito a farsi un progetto di vita. Se il dubbio è comprare casa o andare in affitto, essere single infatti è un motivo in più per mettersi a cercare un buon investimento immobiliare, anche per avere una sicurezza in più per il domani. A maggior ragione oggi che il mercato è tornato su prezzi ragionevoli e accedere a un mutuo è più facile con i tassi sono ai minimi.

Secondo l’Annuario statistico dell’Istat, i single sono più che raddoppiati in vent’anni: 4,8 milioni di persone, il 7,9% della popolazione. Ma se si considerano anche vedovi e divorziati, celibi e nubili che non vivono nella famiglia di origine, genitori soli con figli, allora il numero sfiora gli 8 milioni. E visto che vivere da soli per tanti è una condizione voluta e non provvisoria, non bisogna stupirsi se secondo alcune recenti indagini di mercato cambia il profilo degli acquirenti di immobili: la metà degli Italiani opta per acquistare casa da solo. In fondo, quindi, descriverci come eterni mammoni che non vogliono andare via di casa è un luogo comune che non funziona più. I single si stanno dando un mossa. Vediamo come lo Stato può aiutarli.

Mutuo prima casa giovani single, le agevolazioni

Che sia per scelta o per i casi della vita, l’essere single non dovrebbe pregiudicare la possibilità di realizzare il sogno di metter su casa. E se non si hanno tutti i soldi a disposizione, come si fa per il mutuo? Esistono agevolazioni per i mutui prima casa per giovani single? Abbiamo già parlato delle agevolazioni per i mutui alle giovani coppie ma lo Stato viene anche incontro a chi ha deciso di comprare casa da solo. Anche nel 2017 sarà operativo il Fondo di garanzia per i mutui per la prima casa, istituito nel 2014, la cui dotazione di 650 milioni di euro viene rinnovata di anno in anno, che prevede tra le altre cose agevolazioni mutuo prima casa under 35.

Un'altra possibilità è il leasing casa under 35: in pratica è come pagare un normale canone d’affitto, ma al termine di un periodo che va dagli 8 ai 20 anni, l’utilizzatore ha la facoltà di acquistare l’immobile saldando l’importo finale a riscatto del bene. L'agevolazione cosiste in una detrazione Irpef del 19% sui canoni del leasing.

Mutuo giovani 2017, chi può accedere al Fondo di garanzia?

Anche i single possono farne richiesta? Sì, infatti l’obiettivo del Fondo è proprio quello di semplificare l'accesso al mutuo giovani prima casa. I paletti fissati per legge dicono che il richiedente non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo, salvo si tratti di una casa ereditata, anche in comunione con altri successori, e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli. L’immobile deve essere in Italia e non deve trattarsi si un’abitazione signorile o una villa. Inoltre, il mutuo ipotecario deve essere di importo non superiore a 250 mila euro, concesso dalla banca o intermediario finanziario che ha aderito all’iniziativa in base al Protocollo di intesa sottoscritto l'8 ottobre 2014 tra ministero dell’Economia e l’Abi. In pratica il Fondo funge da garante al 50% per chi, diversamente, non avrebbe i requisiti per andare in banca e vedersi accettata la richiesta di mutuo. Possono accedervi, oltre come già detto alle giovani coppie dove almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni, anche:

  • nuclei familiari monogenitoriali con figli minori;
  • giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico;
  • gli inquilini dell’Iacp, l’istituto per le case popolari, che vorrebbero acquistare casa.

La domanda di accesso al Fondo va presentata direttamente alla banca, che dovrà rispondere entro 30 giorni lavorativi. Come tutte le agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, anche per le agevolazioni mutuo prima casa under 35 occorre dichiarare entro 18 mesi dal rogito che la residenza verrà stabilita nel Comune nel quale si trova l'immobile da acquistare. In questo modo anche i mutui per i precari single diventano possibili.