Magazine \ Casa & Finanza

Da giugno i mutui verdi per il miglioramento energetico della casa

created by Team editoriale Giovedì, 26 Aprile, 2018 - 17:21

Ancora nessun voto

Novità nel campo dei finanziamenti per la casa. Infatti dal 14 giugno 2018 partirà la fase pilota dei “mutui verdi”, ovvero quei mutui concessi dalle banche ai privati cittadini per le nuove costruzioni e le ristrutturazioni di abitazioni, per l’adeguamento energetico e antisismico. In sostanza i clienti delle banche potranno accedere a prestiti agevolati per ristrutturare la loro abitazione o per acquistarne una a basso impatto ambientale.

I vantaggi per chi accede a questi mutui sono molteplici. In primis ci sono le condizioni convenienti per il cliente, come ad esempio un tasso più basso o anche un tasso variabile che scende progressivamente, man mano che avanzano i lavori di efficientamento. Inoltre l’introduzione dei mutui “green” intende creare un circolo virtuoso tra gli istituti di credito e i clienti. Da una parte, la riqualificazione energetica di un edificio può limitarne la svalutazione nel tempo, riducendo i rischi creditizi per la banca; dall’altra, le famiglie che abitano una casa eco-compatibile potranno contare su un abbassamento delle bollette energetiche e, di conseguenza, su una maggiore liquidità. Ad esempio, dal punto di vista economico, una casa riqualificata dalla classe energetica E alla B, può comportare nei 30 anni successivi risparmi fino a 24 mila euro.

Come funzionano i mutui verdi

L’iniziativa parte dall’European Mortgage Federation – European Covered Bond Council (EMF – ECBC), un’istituzione europea che ha lanciato l’“Energy efficient Mortgages Action Plan” (EeMAP) coinvolgendo le principali banche europee per promuovere sul mercato i mutui per l’efficienza energetica. Secondo il rapporto “Transition to Sustainable Buildings – Strategies and Opportunities to 2050” dell’International Energy Agency, il settore edilizio è responsabile per oltre un terzo del consumo di energia e per circa il 33% delle emissioni di Co2. Se si vuole ridurre entro il 2030 le emissioni di gas serra di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990, l’Unione Europea dovrà investire circa 100 miliardi di euro all’anno in ristrutturazioni ed efficientamento energetico. Secondo la Commissione Europea, oltre ai fondi pubblici disponibili, sarà indispensabile l’intervento dei privati, a cominciare dalle banche che erogano mutui ai cittadini.

Per tutte le informazioni relative ai mutui green bisognerà aspettare qualche settimana. Ma nel frattempo è bene prepararsi ai vantaggi che questi finanziamenti possono offrire alla tua casa.

Foto :I stockphoto

Fonte: Cose di casa