Magazine \ Casa & Finanza

I calcoli da fare prima di richiedere un mutuo

created by Team editoriale Venerdì, 2 Settembre, 2016 - 10:00

5
Media: 5 (3 votes)
calcolare rata del mutuo

Compro casa o resto in affitto? Faccio il grande passo e mi decido a chiedere un mutuo per comprare un appartamento o evito questo onere e continuo a pagare l'affitto per il resto dei miei giorni? E ancora, quale casa posso permettermi e quanto posso chiedere di mutuo?

Quanti di voi si staranno ponendo questi interrogativi, in bilico tra il desiderio di avere casa propria e la paura di non riuscire a sostenere un mutuo trentennale!?

Niente paura, non è poi così complicato. Ma servono calma e sangue freddo per fare la scelta giusta.

Partiamo dal presupposto che si possegga un contratto di lavoro. A questo punto è bene accertarsi che sussistano i requisiti per richiedere un mutuo. Spesso il contratto a tempo determinato non è, ahimè, sufficiente per l'istituto di credito, salvo particolari garanzie a favore del debitore.

Nel decidere se ci si può permettere di acquistare casa, si dovrà avere un'idea di quanto costerà complessivamente quest'operazione e quanto realmente si sarà in grado di pagare. E allora, vediamo da vicino come valutare questi aspetti.

Mutuo casa e il valore dell'immobile

Per calcolare effettivamente il costo effettivo dell'acquisto di casa, non basterà considerare il prezzo richiesto dal venditore, il valore effettivo dell'immobile o quanto si è disposti a pagarla.

Dovrai considerare altri fattori per una stima reale della spesa a tuo carico:

  • i fondi già che si possiedono per versare l'anticipo richiesto per l'acquisto della casa; normalmente il massimo mutuo erogabile è dell'80% del valore di mercato dell'immobile;
  • l'importo finanziabile da parte della banca;
  • le spese accessorie della banca;
  • gli interessi passivi;
  • i costi di transazione per l'acquisto della casa, per esempio la provvigione dell'agenzia immobiliare ove presente;
  • le spese notarili;
  • IVA del 4% se si sta acquistando una casa nuova direttamente dal costruttore.

Tutte queste voci, meno la prima, sommate, ti danno un'idea del mutuo che dovrai chiedere.

Che mutuo mi posso permettere

Prima ancora di chiedere un mutuo occorre fare alcune considerazioni e avere qualche necessaria accortezza.

Per esempio, può essere utile calcolare l'importo della rata che puoi permetterti prendendo in esame alcuni fattori.

  1. A quanto ammonta il tuo stipendio netto.
  2. Quali spese fisse mensili sostieni e/o prevedi di sostenere (bollette; spese per figli a carico, consumi quotidiani, ecc.).
  3. Priorità e urgenze che potrebbero insorgere (per esempio l'arrivo di un bebè o il rischio di malattie).
  4. Un importo da mettere da parte mensilmente per far fronte ad eventuali emergenze.

Una volta sottratti dal valore del tuo stipendio netto i punti dal 2 al 4, avrai un'idea della rata che potrai sostenere.

Inoltre, se a chiedere il mutuo siete in due, le cose saranno molto più semplici!

Quale rata mutuo posso permettermi

Il rapporto rata-reddito, ovvero la relazione tra rata massima mutuo e stipendio, è fondamentale per le banche poiché uno stipendio di 1,200 euro ovviamente non consente di pagare rate da 800,00 euro.

Quale percentuale dello stipendio può essere destinata alla rata? Una regola empirica per capire se potrai permetterti di acquistare proprio quella casa, quella che ti è piaciuta così tanto è la seguente: la rata da pagare non potrà essere superiore al 35-40% del tuo stipendio. Secondo la Banca d'Italia, in realtà il rapporto rata mutuo-reddito dovrebbe essere del 30%, ma la percentuale, come già detto, spesso sale, anche perché sono pochi oggigiorno coloro che dispongono di un reddito tanto alto. Salvo che non si stia comprando una casa molto, molto economica.

In ogni caso, prima di andare in banca, puoi calcolare la rata del mutuo tramite il simulatore di mutui online che trovi su questa pagina che ti permetterà di fare un calcolo del mutuo massimo richiedibile.