Magazine \ Piante & Esterni

Arredare con le piante: come scegliere il vaso giusto

created by Team editoriale Lunedì, 3 Dicembre, 2018 - 08:38

Media: 5 (1 voto/i )
vasetto in ceramica bianco

La scelta dei vasi per le piante è un’operazione da non sottovalutare, questo perché non contano solo le qualità estetiche del vaso, ma è molto importante che ad ogni pianta sia associato il vaso che meglio la contiene.

Ci sono due filoni di pensiero: chi sceglie le piante e, in base a quelle, sceglie il vaso successivamente; chi invece preferisce fare i conti con lo spazio disponibile, identifica i vasi che si possano adattare al meglio, e sceglie delle piante adatte ai vasi a disposizione. Sicuramente il primo approccio può andar bene a chi non ha problemi di spazio e può collocare piante di ogni forma e dimensione sia in casa che all’esterno, il secondo invece è un metodo che ben si adatta a chi ha una metratura ridotta e deve ottimizzare gli spazi.

Le piante hanno la capacità di arredare gli ambienti, donando un aspetto fresco e rigoglioso alle stanze della tua casa o al tuo angolo verde, che sia un balcone o un piccolo giardino. In casa, inoltre, hanno un’ottima funzione purificatrice dell’aria, e come abbiamo visto nell'articolo sull'Urban Jungle, è possibile anche arredare la camera da letto con le piante, per migliorare la qualità del sonno durante la notte. Vediamo dunque come ci possiamo orientare nella ricerca dei vasi da giardino o da appartamento.

 

Vasi per le piante, che materiali scegliere?

Vasi in plastica

La plastica è uno dei materiali più usati per i vasi da balcone: leggeri ed economici sono disponibili in ogni forma e colore. Per arredare l’interno invece, belli i vasi con motivo geometrico 3D di MeshCloud, in vendita su Etsy.
I vasi in pvc sono pratici da usare ma hanno lo svantaggio di non essere porosi e dunque di non lasciar traspirare le radici. Se deciderai di usare questi vasi fai attenzione a non annaffiare troppo le piante, per evitare che le radici marciscano. Lava sempre i vasi in plastica prima di metterli via e prima di usarli, puoi usare acqua e detergente, in questo modo ridurrai la possibilità che si sviluppino batteri all’interno del contenitore in plastica.

 

Vasi in terracotta

I vasi in coccio, o terracotta, sono un grande classico dei giardini italiani, l’aspetto rustico li ha riportati in voga in questi tempi per l’arredamento dei giardini Shabby chic: vasi in coccio usati e scheggiati diventano oggi elementi indispensabili per l’arredamento da esterni Shabby, magari riverniciati con tinte ad acqua con colori tenui. Ma il coccio è il materiale ideale anche per l’arredamento rustico, da campagna toscana o umbra.

I vasi in argilla hanno il vantaggio di essere porosi, questo vuol dire che permettono alle radici e al terreno di traspirare. Il coccio ti segnala infatti se hai esagerato con l’annaffiatura della tua pianta diventando scuro. Proprio per questa capacità traspirante l’acqua si asciuga rapidamente, è dunque meglio collocare questi vasi in zone ombreggiate durante il giorno.

Se stai pensando ad un vaso in terracotta per una pianta che rimarrà all’esterno tutto l’anno, assicurati che sia un vaso con caratteristica antigelo, altrimenti potrebbe rompersi a causa delle basse temperature. Una volta riempiti con il terreno sono pesanti da spostare, dunque attenzione alle dimensioni e al tipo di pianta: collocali in luoghi in cui sai che non li dovrai spostare!

Prima di usare o riporre i vasi in terracotta lavali con acqua e detergente e prima di ogni uso immergili in acqua per preparare al meglio l’arrivo del terreno e della pianta.

 

Vasi in metallo

Sempre sul filone Shabby, ma anche per l’arredamento minimal, sono molto usati i vasi per piante in metallo, c’è anche tutta una tendenza al riciclo che riutilizza oggetti vari in ferro, alluminio o rame come vasi: scolapasta, imbuti rovesciati, pentole e chi più ne ha più ne metta. Sono molto leggeri, ma spesso è meglio utilizzarli come contenitori esterni in cui collocare vasi in terracotta o plastica. L’eccessivo surriscaldamento dovuto ai raggi del sole può infatti danneggiare la radici.

 

Vasi in legno

Il vaso di legno, possibilmente invecchiato, è proprio il must per il giardino Shabby. La maggior parte di questi vasi sono realizzati con essenze come il teak, il rovere, l‘acacia… legnami che gestiscono bene l’umidità e le intemperie. In più i vasi per piante in legno vengono trattati con apposite vernici proprio per massimizzare questa loro caratteristica e durare più a lungo. Hanno bisogno di manutenzione e dunque di essere trattati periodicamente con queste vernici (fai attenzione al tipo di vernice per non danneggiare le piante). Si può anche rivestire il vaso con della plastica per evitare che il legno si impregni.

Vasi in pietra o cemento

Belli e monumentali, i vasi in cemento sono estremamente pesanti! Da utilizzare solo nel caso in cui si prevedono delle piante con una collocazione permanente. La pietra regala ai vasi eleganza e solidità, si tratta di vasi praticamente indistruttibili. Puoi usarli all’ingresso di un viale, o nella parte antistante il portone di casa, per collocare all’interno piccoli alberi, una bella e naturale decorazione.
Sempre per gli amanti dello stile invecchiato: si può dare un aspetto anticato trattando i vasi in pietra con lo yogurt bianco, provare per credere!

Vasi in vetro

Adatti all’ambiente indoor, i vasi di vetro sono in genere piccoli vasi ornamentali: puoi decorare la tua casa con una composizione di piante grasse in vaso di vetro. Ne esistono di tante forme e dimensioni e possono costituire un pratico angolo verde anche per chi il pollice verde proprio non ce l’ha. Non avendo buchi per lasciar traspirare le radici è meglio non usarli per piante che necessitano di essere annaffiate spesso, mentre possono andare benissimo per le piante grasse.

 

Forma e grandezza dei vasi per le piante

Per quel che riguarda la forma dei vasi non ci sono indicazioni se non quelle dettate dal proprio gusto personale e la collocazione: se devi disporre le piante in un balcone piccolo usa vasi rettangolari sui lati per risparmiare spazio, mentre se hai a disposizione un giardino puoi sistemare i vasi che preferisci, belli sono i grandi vasi rotondi come elementi centrali.

Sulla grandezza dei vasi per le piante: partendo dagli spazi a disposizione valuta la dimensione cercando di non alterare l’armonia tra gli elementi che sono presenti in casa (o sul terrazzo). Considera poi che le piante hanno bisogno del vaso giusto in base alla loro capacità di crescita, soprattutto per quel che riguarda le radici. Chiedi al fioraio quanto velocemente crescono le radici per sapere ogni quanto dovrai travasarle.
Le piante soffrono sia se sono troppo piccole in un vaso grande, sia se le loro radici non hanno più posto e si trovano compresse in un vaso piccolo.

 

Colore dei vasi

I vasi neri sono belli, ma occhio a non collocare questi vasi sotto al sole: i colori scuri assorbono calore e surriscaldano eccessivamente le radici, consigliati solo per piante che non soffrono il caldo. Il bianco e in genere i colori chiari sono da preferire se vuoi assicurare temperature più moderate alle tue piante.

Facendo attenzione sempre alla salute della pianta, divertiti a sperimentare, utilizzando vasi da arredamento per le tue piante da appartamento, come abbiamo visto puoi spaziare tra gli stili e i materiali per creare il tuo personale angolo naturale tra le mura di casa.

Foto: Vaso in pietra | Vasi forme varie di F. D. Richards CC 2.0

Per scoprire di più sulla promo clicca qui