Magazine \ Ristrutturazioni & Materiali

Materiali termoisolanti: caratteristiche, pro e contro

created by Team editoriale Lunedì, 20 Giugno, 2016 - 10:55

Media: 4.7 (3 votes)
isolamento termico interno ed esterno

Ci sono tanti materiali isolanti disponibili sul mercato oggi, da quelli più ingombranti come la lana di vetro o di roccia, a quelli più leggeri come la cellulosa e le fibre naturali.

Molti di questi isolanti termici sono in commercio già da un po', altri sono novità frutto della ricerca degli ultimi tempi.

Ciascun materiale presenta dei pro e dei contro. Di conseguenza, al momento di decidere tra i vari isolanti per tetti e pareti disponibili, vanno valutati con attenzione tutti gli aspetti e le caratteristiche di ciascun materiale, per esser sicuri di scegliere il più adatto alla propria abitazione e alle proprie necessità. Infatti, non in tutte le zone geografiche può andar bene lo stesso tipo di isolamento. Alcuni materiali infatti si prestano a riflettere il calore mantenendo la casa fresca, mentre altri tendono a preservare il calore interno. Inoltre, per isolare una parete dall'umidità può essere necessario un cappotto termico esterno, mentre per isolare una parete fredda è più indicato un cappotto termico interno.

Il potere isolante dei materiali è indicato dalla trasmittenza, misurata in lambda. Il valore associato ad ogni tipologia di isolante che indica quanto calore riesce ad attraversare 1 metro di spessore di quel materiale in 1 secondo. Più basso è il valore, migliori sono le qualità coibenti del materiale.

Il costo di un cappotto termico o dell'isolamento delle pareti varia notevolmente a seconda del materiale scelto. E non dimenticare che sono state prorogate per tutto il 2016 le detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di efficienza energetica negli edifici.

Ma vediamo le caratteristiche dei diversi materiali.

Materiali termoisolanti minerali

Tessuti in fibre di vetro

La fibra di vetro è l'isolamento più comune oggigiorno. Intessendo in modo efficace sottili fili di vetro, si realizza un tessuto in grado di ridurre al minimo il trasferimento di calore. Lo svantaggio principale della fibra di vetro sta nella sua manipolazione. Infatti, possono facilmente crearsi polveri e piccole schegge di vetro che possono causare danni agli occhi, ai polmoni, e anche alla pelle se non si indossa attrezzatura di sicurezza.

Lana minerale

Quando si parla di lana minerale ci si può riferire in realtà a diversi tipi di isolamento. In primo luogo, si può fare riferimento alla lana di vetro, una fibra realizzata usando vetro riciclato. In secondo luogo, si può fare riferimento alla lana di roccia, un tipo di isolamento in basalto. Infine, si può fare riferimento alla lana di scorie prodotta dalle scorie delle acciaierie.

La lana minerale si trova ad un prezzo particolarmente vantaggioso; non necessita di sostanze chimiche aggiuntive per essere resistente al fuoco, ed è comunemente disponibile nella forma di pannelli isolanti. I pannelli termoisolanti in lana di vetro sono tra i migliori isolanti acustici, oltre che termici.

Materiali termoisolanti naturali

Cellulosa

La cellulosa è forse uno dei migliori materiali termoisolanti naturali. Si ottiene da carta, cartone e altri materiali simili riciclati ed è disponibile in forma sciolto. Alcuni studi recenti sulla cellulosa hanno dimostrato che si tratta di uno dei migliori materiali contro il fuoco: infatti, grazie alla sua alta densità, la cellulosa è quasi priva di ossigeno al suo interno, riducendo così i rischi di incendio.

Oltre alla cellulosa, oggi sono in commercio altri materiali isolanti naturali:

  • la fibra di canapa
  • la fibra di legno
  • la fibra di lino
  • il sughero
  • la canapa.

Tuttavia questi materiali hanno prezzi decisamente elevati. Infatti, un cappotto termico in sughero si aggira sui 20,00 euro al metro quadro.

Invece, rappresenta un ottimo compromesso la canapa, uno dei milgliori isolanti termici in commercio, come si evince dalla tabella in basso. Il prezzo al metro quadro per un pannello di canapa di 140 mm di spessore è di 15,00 euro circa.

Tra i materiali naturali vanno anche ricordati i pannelli isolanti in fibra di legno, i cui prezzi possono essere invece estremamente bassi.

Materiali termoisolanti sintetici

Sono quei materiali isolanti ricavati dalla lavorazione del petrolio. I prezzi dei materiali termoisolanti sintetici sono decisamente inferiori rispetto a quelli degli isolanti naturali.

Poliuretano

Le schiume poliuretaniche sono un'ottima forma di isolamento. Oggi vengono prodotte utilizzano gas non clorofluorocarburi (CFC) come agente espandente, il che riduce notevolmente i danni all'ambiente. Questo materiale è relativamente leggero e piuttosto economico. I prezzi dei pannelli isolanti in poliuretano si aggirano attorno ai 12,00 euro al metro quadro.

Polistirene (polistirolo).

Il polistirene è un espanso termoplastico impermeabile con eccezionali capacità isolanti termiche. È anche un prodotto eccezionale per isolare una parete acusticamente. È disponibile in due tipi, espanso (EPS) e estruso (XEPS), quest'ultimo noto anche come polistirolo. I due tipi differiscono nelle prestazioni e nei costi. Il polistirene estruso ha minori capacità di resistenza al fuoco e tuttavia presenta una superficie liscia che consente di realizzare prodotti più prestigiosi dal punto di vista strettamente estetico.

Tipicamente la schiuma espansa viene tagliata in blocchi, ideale per l'isolamento delle pareti. La schiuma è infiammabile e deve essere ricoperta con una sostanza chimica ignifuga chiamata Esabromociclododecano (HBCD), che purtroppo non fa bene alla salute. Dunque, attenzione!

Calcestruzzo aerato cellulare

Il calcestruzzo è uno dei materiali termoisolanti per edilizia più usati tradizionalmente.

È un ottimo isolante termico sia nel periodo estivo che in quello invernale, ma anche acustico. È un materiale molto leggero, tanto da essere denominato calcestruzzo alleggerito.

Aerogel

Utilizzato come isolante termico in ambito aerospaziale, navale, automobilistico, nell’ingegneria fisica e nell’industria dell’abbigliamento per climi molto rigidi, l'aerogel si ottiene sostituendo la componente liquida di un gel con aria. È un materiale solido ed allo stesso tempo molto leggero, adatto per chi è in cerca di materiali termoisolanti trasparenti.

Insomma, ci sono molte forme di isolamento disponibili sul mercato, ognuna con le sue particolari proprietà. Solo attraverso un'attenta ricerca è possibile scoprire quale sarà il materiale giusto per le tue esigenze. Per riassumere:

  • Aerogel è piuttosto costoso, ma sicuramente il miglior materiale isolante.
  • La fibra di vetro è a buon mercato, ma richiede una gestione attenta.
  • La lana minerale è un isolante efficace.
  • La cellulosa è resistente al fuoco, eco-friendly, ed efficace, ma difficile da applicare.
  • Il poliuretano è un ottimo prodotto isolante, anche se non particolarmente eco-friendly.
  • Il polistirene è un ottimo materiale isolante ma poco sicuro per la salute.
  • La fibra di legno è un materiale economico e durevole.
  • Il sughero è tra i più apprezzati nella bioedilizia, ma anche costoso e si deteriora nel tempo.

Nella tabella in basso, puoi visualizzare la conducibilità termica e la densità di ciascun tipo di isolante.

 

Materiale

Lambda (W/mK)

Densità (kg/m3)

Poliuretano0,03030
Polistirene estruso in lastre0,03535
Cotone0,04020-40
Polietilene espanso in lastre0,04030
Polistirene espanso in lastre0,04020
Materassino in lino0,04030
Lana di vetro0,04020
Pannelli extraporosi in fibra di legno  (130)0,040130
Lana di pecora 0,04025
Lana di roccia0,04030
Fiocchi di cellulosa0,04050
Vetro cellulare (120)0,041120
Pannelli di cellulosa0,04085 
Canapa0,04525

Fonte: Aceer

 

Immagini: Fifth Street Inn at Sunset  di andrechinn CC BY 2.0 | Aerogel di john collier CC BY SA 2.0 | Olander basement... di wfeiden CC BY SA 2.0