Magazine \ Ristrutturazioni & Materiali

Quanto costa coibentare casa e come farlo

created by Team editoriale Venerdì, 1 Dicembre, 2017 - 11:58

Ancora nessun voto

L'isolamento termico è fondamentale se vuoi ristrutturare casa per migliorare il tuo benessere e risparmiare sulle bollette. Coibentare gli interni di casa è essenziale per fare in modo che l'abitazione sia protetta dal freddo in inverno e dal caldo in estate permettendoti di limitare l'uso di riscaldamenti e condizionatori. Potrai evitare così sbalzi climatici, spifferi d'aria e infiltrazioni d'acqua, ma anche i rumori esterni (elemento da non sottovalutare). Insomma coibentare vuol dire creare un " cappotto termico" e un "cappotto termoacustico" sulle pareti con dei pannelli syper isolanti. Qualora non sia possibile l’isolamento delle pareti esterne si può realizzare un cappotto interno applicando dei pannelli isolanti direttamente sulle pareti interne, o creando delle contropareti isolanti. Se hai una casa indipendente puoi applicare dei pannelli isolanti anche all’esterno creando un tetto coibentato con pannelli di vario spessore.

Esistono varie metodologie per farlo, a seconda di quanto vuoi spendere. Inoltre se non sei un esperta, meglio se ti affidi ad un tecnico con esperienza perchè non è facile capire come muoversi ed ogni casa ha bisogno di interventi mirati. Tra gli elementi che devi tenere in considerazione ci sono: le pareti interne, il tetto, il pavimento, i materiali da utilizzare (i materiali termoisolanti) e infine la grandezza di casa, ovviamente per case più grandi il costo sale.  

Costi medi dei materiali per coibentare casa

Secondo il sito Edilnet il costo dei materiali per la coibentazione delle pareti di una casa, in generale, va dai 30,00 € ai 100,00 € al mq a cui dovrai aggiungere il costo della manodopera. Di solito la coibentazione si effettua principalmente sulle pareti di un'abitazione e sul tetto. I costi variano  in base al tipo di materiali scelti e dalle dimensioni. I materiali più economici sono i pannelli in poliuretano sia per le pareti, sia per il tetto. I materiali con un costo medio sono i materiali sintetici e schiumosi, mentre i più cari sono quelli in fibra vegetale, per esempio quelli in legno e in sughero.Ovviamente al costo dei materiali va aggiunto il costo della manodopera.

Il primo fattore che contribuisce all’isolamento termico è lo spessore del materiale: ad uno spessore maggiore corrisponde una maggiore coibentazione. Nei casi in cui è possibile sarebbe preferibile scegliere, indipendentemente dal materiale, spessori consistenti. Il potere coibente dei materiali termoisolanti è legato al valore della "conducibilità termica". Di conseguenza per isolare bene la propria casa conviene optare per materiali con una bassa conducibilità termica.

Se vuoi ulteriori informazioni puoi leggere la nostra guida completa sulle ristrutturazioni e l'isolamento termico

Immagini: istockphoto